Сarrello€0.00 (0 prodotto)


Viagra vs Cialis: qual’è migliore?

Oggi, per la prevenzione e trattamento della disfunzione erettile (“impotenza” – nella vecchia terminologia), i farmaci più diffusi sono il Viagra (principio attivo: Sildenafil citrato, produttore: azienda farmaceutica “Pfizer”) e il Cialis (principio attivo: Tadalafil, frutto delle ricerche e sviluppo congiunto del gigante farmaceutico Eli Lilly e della corporazione "YCOS").

Il primo è apparso nel mercato farmaceutico russo nel 1998 il Viagra, mentre il Cialis lo raggiunto solo nel 2003.

Il meccanismo di azione di entrambi i farmaci è simile e consiste nel blocco dell'enzima fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE-5), che a sua volta scompone l’enzima del Guanosin-monofosfato ciclico (GMP) che è responsabile della componente vascolare di erezione del pene. Negli uomini con disfunzione erettile il livello di GMP è basso e sempre insufficiente a favorire una corretta erezione.

Al fine di portare il contenuto di GMP ad un livello sufficiente per garantire un’erezione, è stato utilizzato un metodo semplice (ma per molto tempo non molto chiaro) consistente nel blocco dell’enzima che scompone GMP.

I dati relativi alla farmacocinetica dei Viagra e Cialis indicano una maggiore efficacia di quest’ultimo. In primo luogo, l'emivita del Sildenafil è più breve ed ha una durata di solo 3-5 ore a seconda della dose assunta, mentre del Tadalafil di 17,5 ore. In secondo luogo, il tempo di persistenza di un'attività efficace e di raggiungimento dell'erezione per il Viagra in media è di 4 ore, mentre per il Cialis è di 24-36 ore.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali di Viagra e Cialis sono simili e si manifestano come le vertigini, mal di testa, diarrea, nausea, congestione nasale, sensazione di un afflusso di sangue alla testa. Raramente si manifestano mal di schiena, addominali e articolazioni, tipico maggiormente durante l’assunzione del Cialis.

Tutti gli effetti collaterali indesiderati di entrambi i farmaci di solito si verificano in forma lieve a moderata. Nel caso di Cialis è stata notata una significativa riduzione della manifestazione degli effetti collaterali nel corso dell’uso del farmaco.

Entrambi i farmaci sono assolutamente sconsigliati agli uomini che costantemente assumono i farmaci nitro-derivati (nitroglicerina in qualsiasi forma e suoi analoghi).

Considerando che il Viagra è il fiore all'occhiello, il farmaco di prima generazione e nel mercato farmaceutico esiste da circa 15 anni, sono stati raccolti alcuni dati a suo favore.

Ad esempio, nel 2002, il tossicologo americano G. Millman ha pubblicato nella rivista "Annali di Farmacoterapia" i risultati delle ricerche scientifiche riguardanti gli effetti collaterali del Viagra. I pazienti che assumevano il Viagra notavano vertigini, disorientamento e amnesia; 22 persone su 270 hanno attribuito al Viagra la comparsa di aggressività; 13 - la violenza, in 6 persone il farmaco ha causato "un forte desiderio di uccidere." Gli effetti collaterali del Sildenafil si manifestavano cun l’uso continuo delle dosi terapeutiche massime (100 mg al giorno).

Altre fonti indipendentemente riferivano l’incompatibilità di Viagra con l'alcol. Il potenziamento reciproco dell'effetto ipotensivo di Viagra e alcol è costato la vita di molti anziani che non osservavano il divieto di consumare alcol.

I numerosi studi clinici sull’efficacia e sicurezza di Cialis pongono l’attenzione sulla mancanza di restrizioni sull’assunzione del farmaco insieme al cibo grasso e alcol in piccole (!) dosi. Questo aumenta in modo significativo la lealtà dei pazienti e soddisfa le esigenze di alcuni di essi nella vita abituale.

Così, l'analisi dei dati clinici e scientifici disponibili sulle proprietà e gli effetti di Viagra e Cialis permettono i fare la scelta in favore di quest’ultimo. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che l'assunzione del farmaco in presenza dell’impotenza non è una panacea.

Alcuni problemi nella zona genitale maschile sono al di là della capacità della terapia farmacologica e richiedono altri metodi di intervento, non farmacologici.